10/2/21

Perché gli eventi sono strategici per il mondo B2B

Perché gli eventi sono strategici per il mondo B2B

Il binomio “aziende B2B” e “eventi” è qualcosa che nel mondo del marketing si definisce come un elemento win-win: uno snodo centrale nella strategia e nel processo di vendita che prevede, da una parte, il coinvolgimento dei partecipanti in un’esperienza piacevole e, dall’altra, la capacità di coltivare i rapporti personali e intercettare potenziali clienti.

Nel corso del 2020 il ruolo strategico degli eventi è rimasto immutato: sono cambiate invece le modalità di interazione. In questo articolo esploriamo in 4 punti come questo strumento, soprattutto alla luce della rivoluzione digitale, continui a risultare cruciale per il mondo B2B.


Eventi come fondamenta: it’s core business, baby!

Per il mondo B2B l’evento ha da sempre assunto una rilevanza fondamentale rispetto a pubblicità tradizionali e social media. Secondo una ricerca di Bizzabo di fine 2019, l’85% delle aziende considerava gli eventi una componente critica dell’evoluzione dell’azienda, col 53% che li indicava come il canale più efficace per portare conversioni. Ne abbiamo parlato nel Paper: "Events, What's Next?"

Un evento B2B è essenziale per personalizzare la relazione professionale, creare connessioni coi clienti e costruire una comunità, trasferendo contenuti e informazioni e generare lead. Valori che, durante la pandemia, sono rimasti inalterati nella loro essenza ma modificati nella forma.


Eventi come asset: il digital reinventa tutto

L’evento all’interno di una strategia B2B è una sorta di primo motore immobile: tutto muove, tutto genera. E cosa succede se l’evento diventa virtuale e si sposta sui canali digitali? Beh, è il momento perfetto per ricalibrare tutta la strategia di marketing.

Secondo una ricerca di Insider Intelligence e eMarketer di agosto 2020, il 58% delle aziende B2B interpellate ha ritenuto che fosse fondamentale rivedere tutta la strategia degli eventi in un modo nuovo per assicurarsi che fosse di successo e che incontrasse gli obiettivi aziendali. In una parola: non adattare il fisico al digitale ma pensare a qualcosa di completamente inedito e con regole tutte sue. E quindi: reinventarsi.

Eventi come opportunità: reputazione, posizionamento e ROI

Gli eventi digitali risultano doppiamente strategici per il mondo B2B: da una parte consentono di costruire una strategia più articolata che comprende l’inizio di una relazione prima dell’evento e una sua evoluzione dopo l’evento con la possibilità di educare i clienti e di offrire loro valore per un periodo più lungo. E quindi un’opportunità di posizionarsi, comunicare una caratteristica distintiva e sperimentare nuovi progetti verticali e segmentati.

Dall’altra parte gli eventi digitali sono una vera cartina al tornasole del ROI, soprattutto per lanciare un prodotto, proporre un webinar, creare reputazione e festeggiare un traguardo raggiunto: ogni step, dall’iscrizione, alle comunicazioni intermedie, all’engagement fino al follow-up, è interamente misurabile e comparabile con i KPI fissati.


Eventi come collante sociale: piacere di conoscerti, collega!

Per il mondo B2B gli eventi non si rivolgono unicamente ai potenziali clienti ma sono efficaci in termini di valore interno per i dipendenti.

L’obiettivo principale di questi eventi è solitamente promuovere una migliore comunicazione e collaborazione tra i membri del team: immagina un team distribuito e dinamico che lavora da remoto da mesi su un progetto. Creare dei momenti di socialità, condivisione e intrattenimento rafforza le relazioni e aiuta a ottenere una mentalità di gruppo più produttiva. E ora prova a pensare come questi eventi possono essere vincenti per un team prima di un grande progetto o di un kick-off trimestrale. Bella carica, vero?


Gli event manager delle aziende B2B di tutto il mondo vedono negli eventi virtual uno status quo che continuerà fino alla diffusione capillare del vaccino. Nel prossimo futuro sarà il phygital a farla da padrone: l’evento come forma ibrida (e vincente!) tra digital e tradizionale.


Kampaay si è mossa proprio in questa direzione esplorando un’importante componente fisica con la delivery di un kit a casa di ogni partecipante degli eventi e un elemento di digital entertainment. La base di tutto è la personalizzazione totale dell’esperienza scelta da parte dell’azienda protagonista dell’evento.


Diversi i format di eventi virtuali progettati per creare engagement interno alle aziende (dipendenti, management, rete commerciale e partner) oppure esterno (clienti, prospect, fornitori e stakeholder esterni). Puoi scegliere tra un Virtual Catering per business meeting e convention, oppure Live Bartending per sfidarsi a colpi di gamification, Digital Tasting per una degustazione di gruppo e Digital Experience a metà tra formazione e momento di svago.


Dai valore (e un pizzico di creatività) alla tua strategia digitale di marketing e ai tuoi dipendenti in azienda.



Scarica ora il Whitepaper

Contattaci

Contattaci per provare il servizio o scrivi un messaggio.
Ti risponderemo immediatamente.

Leggi anche